Biografia

"La musica mi ha salvato la vita, scrivere canzoni è la cosa più bella che mi sia capitata dopo essere nato."

Nato a Sondrio, appassionato di musica fin da piccolo, si perdeva fra i 33 giri dei genitori. Lucio Battisti, Riccardo Cocciante, i Beatles e tanti altri.

"Nella musica trovavo il mio rifugio, le sensazioni date dai suoni e dalle parole erano un qualcosa di particolarmente confortante. Ho sempre considerato la musica come una specie di amica."

Poi un giorno quasi per caso comincia a scrivere canzoni "Non ci avevo mai pensato, non ho mai detto: "adesso provo a scrivere una canzone", è capitato così, in una maniera molto semplice e naturale."

“Sogni di libertà” è il suo primo disco,  uscito il 23 novembre 2011. Una raccolta di canzoni autobiografiche con una certo “sapore”  anni settanta. "Ho registrato quasi tutte le mie parti in una baita di montagna, lavorandoci giorno e notte, oggi lo considero la mia "carta d'identità" musicale".

Nel 2013 Davide decide di caricare una Vespa con chitarra, amplificatore e tenda e da vita al "Viaggio Ribelle Tour". "L'idea era quella di fermarmi a suonare ovunque ve ne sia stata una potenziale possibilità".

Il progetto funziona e Davide nel corso degli anni suona in più di centocinquanta concerti improvvisati in piazze, strade, moli, spiagge e passi alpini, passando per Austria, Germania, Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Svizzera, Francia, Inghilterra ed Olanda. 

"Sono stati tre anni incredibili, un'esperienza di vita pazzesca che mi ha fatto crescere sia come musicista che come persona."

Nel 2015, nel pieno del "Viaggio Ribelle Tour" Davide da alle stampe "Fieno" il suo secondo album. "E' un disco particolare, ho voluto fare tutto a modo mio. Lo considero il disco del "rischio" perchè non si rifà ai canoni delle produzioni attuali ma segue una sua strada precisa. Ho scelto di suonare quasi tutti gli strumenti, volevo fare emergere il più possibile la mia personalità".

Al momento Davide sta lavorando a nuove canzoni, molte le ha già proposte nei suoi ultimi concerti. "Mi piace "collaudare" i nuovi pezzi dal vivo, è un modo per farli crescere e capire se possono funzionare."

E' ancora prematuro parlare di nuovi album al momento, "ci sto lavorando, ma non c'è fretta, sento di avere buone cose tra le mani, le sensazioni sono positive..."

aggiornato 22-09-2017